Clicky

Computer | BLOG - Julian's WebSite Category: Computer
La rivoluzione targata NVIDIA

La rivoluzione targata NVIDIA {0}

Da quello che abbiamo potuto vedere alla conferenza stampa al CES 2011 a Las Vegas, quelli di NVIDIA si sentono di potere fare la più grande rivoluzione nel mondo del computing  dall’introduzione di Windows 95. Queste parole del CEO Jen-Hsun Huang innalzano alle stelle l’emozione per la tanto attesa piattaforma Tegra 2 dedicata al computing mobile. More »

Google Chrome OS – presentazione ufficiale {0}

Tanti di voi avranno già sentito le voci di un sistema operativo made in Google basato sul loro browser Chrome. Oggi i ragazzi di Mountain View hanno presentato ufficialmente in un evento Google Chrome OS, un sistema operativo ai suoi primordi (molto lontano dall’essere anche solo in beta).

chrome-icon-742122

Di seguito vi propongo un video che riassume in modo chiaro e conciso gli obbiettivi di questo sistema operativo.

httpv://www.youtube.com/watch?v=0QRO3gKj3qw

Il video seguente mostra invece un concept dell’interfaccia di questo rivoluzionario (per il modo di porsi e lavorare) sistema operativo.

httpv://www.youtube.com/watch?v=hJ57xzo287U

Se siete ancora curiosi nel link della fonte (Engadget) trovate screenshot di una primitiva interfaccia Chrome OS e foto dell’evento di presentazione.

da Engadget.com

Nokia Booklet 3G, stiloso e connettivo {0}

Anche Nokia, dopo le indiscrezioni più o meno insistenti dei mesi scorsi, sembra avviata a salire sul redditizio treno dei netbook;

nokia-booklet-3g-20090824-600

l’Agenzia Reuters ha infatti rese note ieri alcune fotografie di quello che dovrebbe essere il nuovo nato in casa del colosso scandinavo.

nokia-booklet-itw-rm-eng

Booklet 3G, questo il suo nome, sarebbe per ora un prototipo realizzato in un unico esemplare ed al momento custodito nel quartier generale dell’azienda. Le immagini, che lo raffigurano a fianco di un cellulare E71, fanno presumere nella dimensione classica di 10,1 pollici la grandezza del display.

21nokia-booklet-3g-group

Nessuna indiscrezione, ovviamente, circa l’hardware montato, anche se i soliti bene informati assicurano che il processore impiegato sarà Atom di Intel.

Data per probabile anche la presennza di un’uscita HDMI, in linea con i più recenti dettami in ambito notebook. Bocche cucite, in casa Nokia, anche su una possibile data di commercializzazione, così come su quali potrebbero essere i potenziali mercati sui quali far esordire il Booklet 3G.

21nokia-booklet-3g-colours

Dal video ufficiale disponibile di seguito e da indiscrezioni emergono le seguenti caratteristiche:

  • case in alluminio grande 85 × 264 x 20 mm per un peso di 1,125 Kg
  • schermo da 10,1 pollici con risoluzione HD-Ready
  • processore Intel Atom
  • sistema operativo Windows 7
  • connettività Wi-Fi 801.2b/g/n
  • bluetooth
  • connessione a rete 3G mediante il protocollo HSPA
  • A-GPS
  • lettore di schede SD, porte USB e porta HDMI
  • integrazione con i servizi Ovi, tipici dei cellulari Nokia di ultima generazione
  • autonomia della batteria di 12 ore.

httpv://www.youtube.com/watch?v=fIHWM4liM2g&feature=player_embedded

da Hardware&Gadget

CrunchPad: Touch Internet Device da TechCrunch {0}

CrunchPad è un progetto da TechCrunch di un tablet low cost ( si pensa ai 300$  )che faccia poche cose come navigare e chattare. Il resto secondo i suoi ideatori serve a poco o niente ( photoshop, office, … ) ad un normale utente e non sarà implementato anche perchè ci sono tante versioni internet based. Ci sarà installato Firefox ( che fungerà anche da sistema operativo ) e Skype più qualche estensione.

cdba

Questi sono alla grande le sue caratteristiche principali:

  • Schermo touchscreen da 12 pollici.
  • Processore Intel Atom 1.6 Ghz
  • Hard-disk SSD da 4GB
  • Webcam
  • Connettività Wi-fi
  • Distribuzione Linux custom (soli 200MB di spazio occupato)

Michael Hurrington di TechCrunch ed i suoi collaboratori hanno lavorato duro dai primi aggiornamenti sul loro device portatile di Aprile. Sono arrivati al design finale del dispositivo che verrà commercializzato. Altre poche settimane ed egli promette di avere a disposizione device funzionanti nel suo ufficio pronti per il test.

Il prototipo di lancio è un’altro significante passo avanti rispetto a quello precedente. Lo schermo adesso è allo stesso livello del case e lo spessore è stato ridotto ai significativi 18 mm. Il case sarà di alluminio, che è più costoso della plastica ma più robusto e permette di ridurre di un bel pò lo spessore globale.

cbd1

Il design è decisamente migliore rispetto ai primi prototipi dell’estate scorsa. Basta confrontare queste immagini con quelle del primo prototipo per capire gli svilluppi. Se siete interessati eccovi le foto del Prototipo B. Immagini del Prototipo C, che è il dispositivo che è attualmente in fase di test le trovate quì.

cbd3

Sono anche successe un sacco di cose dietro le scene. Il loro partner Fusion Garage continua a mandare avanti il software, e sono in profonde discussioni con i partner chiave per mandare il dispositivo sul mercato. Se proprio volete vedere i primi prototipi in azione guardatevi questo video su YouTube. Il sistema operativo è basato su Linux ed il browser sul motore Webkit ( Firefox ). Il dispositivo si avvia direttamente nel browser.

cbd2

La prossima volta che si parlerà ufficialmente di CrunchPad lo si farà ad una speciale conferenza stampa aperta al pubblico a Luglio nella Silicon Valley. Se volete rimanere informati sulle nuove news scrivete a crunchpad@techcrunch.com.

da TechCrunch

Wedit, ambiente di sviluppo integrato per lcc-win32 {0}

Questo semestre universitario ho deciso di frequentare il corso di “Programmazione dei Sistemi Digitali” che in buona parte consiste nella programmazione in linguaggio C.

wedit

Nelle aule universitarie abbiamo installato Fedora Core 10.0 Linux quindi questo linguaggio è supportato nativamente senza bisogno di ulteriori accorgimenti. Ho deciso allora di provare anche io sul mio portatile con Ubuntu Linux 8.10 ma anche se tutto funziona perfettamente sono rimasto poco contento di dover usare text editor e console ( con le varie istruzioni cd ogni volta per trovare la cartella del codice ) per i miei programmi.

Il linguaggio C però non era la prima volta che lo vedevo. All’ITIS Rossi avevamo fatto le basi di questo codice e mi sono ricordato che allora nei laboratori con Windows 95 usavamo un programmino che faceva tutto in uno. Ho deciso così di risfogliare i vecchi appunti delle superiori per sapere il nome di questo programma e finalmente l’ho trovato: lccWin32.

Creare programmi in C usando Wedit, l’ambiente di sviluppo integrato( IDE –Integrated Development Environment ) per lccwin32 è relativamente molto più semplice. Di seguito vi illustro la procedura passo a passo.

  1. Per prima cosa scaricare lccWin32 da questo link di download.
  2. Installare il pacchetto sul vostro pc.
  3. Dal menu start-tutti i programmi cliccare su lcc-win32 per avviare il programma.
  4. Se avete fatto tutto correttamente si dovrebbe avviare Wedit.

Per iniziare un nuovo progetto ( procedura da seguire ogni volta che si apre il software e si vuole realizzare un nuovo programma ):

  1. Dal menu project selezionare Create….
  2. Dare un nome al progetto e selezionare la directory di lavoro per i vostri programmi in C e andate avanti con OK.
  3. Se vi chiede di usare la cartella lcc cliccare “Yes” mentre per il Wizard “No”.
  4. Selezionare i vostri file sorgenti ( se non li avete ancora fatti cliccate annulla ). Consiglio di creare i sorgenti prima ( nomefile.c ).
  5. Finestra Sources file for the project fare OK o se non avete aggiunto sorgenti fare cancel e dopo OK.
  6. Per il resto basta scegliere Ansi-C Only e poi Avanti-Avanti-Fine.

Adesso potete creare un nuovo file ( mi raccomando di salvarlo con estensione *.c ) se non l’avete caricato prima o modificare quello che avete caricato.

Nel menu compiler troviamo tutte le opzioni di Compile, Execute, Debug.

Tra i lati positivi di questo IDE troviamo la sua semplicità, la sua leggerezza nell’eseguire e nello spazio occupato.

Unica pecca di cui non ho capito il motivo è che la cartella di lavoro deve trovarsi in un drive diverso da quello in cui è installato lccwin32. Nel mio caso questi è installato in C:\ e la cartella di lavoro si trova in un’altra partizione.